Il 19, il 20 e il 21 luglio al Business Design Center di Londra si è tenuto Bellavita Expo, la più grande fiera del food Made in Italy di Londra e noi di IoCuoco non potevamo mancare.

Perciò, armi e bagagli, ci siamo recati in loco per raccontarvi questi tre giorni tra chef internazionali, vini superlativi e prodotti gastronomici da tutte le regioni d’Italia.

Sì perché il Bellavita Expo è un posto in cui si radunano tutti i produttori enogastronomici che vogliono esporre, e quindi far provare, le loro bontà al mercato inglese. Noi ne abbiamo approfittato e abbiamo mangiato e bevuto per tre giorni!

Lasciatici alle spalle la cappa di calore milanese si inaugura domenica 19, Londra risplende di un sole limpido ed è baciata da una brezzolina veramente deliziosa.

Il tempo dei saluti di rito ed è già il momento del primo cooking show firmato Aldo Zilli. Chef stellato di origine abruzzese, ma londinese d’adozione, Aldo Zilli guida 4 ristoranti nell’West End di Londra: Zilli Fish, Signor Zilli Restaurant, Zilli Cafe e Zilli Bar.

 

Lo chef Aldo Zilli con lo chef Gluten Free Simona Ranieri
Lo chef Aldo Zilli con lo chef Gluten Free Simona Ranieri

 

Zilli è un fiume in piena ed è un vero entertainer. Il suo inglese è fluente ma ha un inconfondibile accento meridionale italiano: sul palco è una calamita. Si ride e si scherza alla grande mentre Aldo prepara le sue specialità, la qual cosa inizia a farci venire l’acquolina in bocca.

Decidiamo allora di avventurarci tra gli stand e una cosa ci è subito chiara: faremo incetta di prelibatezze! Dolce e salato, vino, birra e liquori, qui infatti non manca niente.

Allo stand di Dimensione Carne facciamo un antipasto delizioso con i sillacci di carne affumicata equina, marchio di fabbrica della casa. Decidiamo allora di soffermarci e di andare a fondo con la questione: anche lo speck della casa è ottimo e gli affettati di percora sono una vera sorpresa. Questa piccola azienda del padovano sa davvero quello che fa, e la titolare Lorella Roncolato è davvero un campione di buone maniere.
Proseguiamo e tra pizze (surgelate, ma ottime) e dolci senza glutine siamo presto sazi. Giusto un goccio di birra artigianale e poi un ottimo caffè. Capiamo subito che qui si fa sul serio!

Lo staff di Dimensione Carne al lavoro con lo chef Gluten Free Simona Ranieri
Lo staff di Dimensione Carne al lavoro con lo chef Gluten Free Simona Ranieri

 

Giusto il tempo di fare un altro giro tra gli stand e di scambiare quattro chiacchiere con gli espositori (che provengono davvero da ogni angolo d’Italia) ed è già tempo di aperitivo.

E qui sale in cattedra il Cerasuolo di Azienda Agricola Fontefico. Iscritta di diritto al concorso Bellavita Awards (e per noi vincitore morale), l’Azienda Agricola Fontefico è un piccolo produttore vinicolo della zona di Vasto (Abruzzo). Con le sue 25.000 bottiglie/anno Fontefico (il nome deriva dal podere preso cui ha sede l’azienda) è una gemma nel panorama dei produttori di vino naturale del centro Italia. I suoi Pecorino Superiore, Cerasuolo DOC e Montepulciano sono tutti fantastici e il titolare, Nicola Altieri, ci accompagna attraverso i loro profumi trasudando orgoglio per i risultati del suo lavoro. Arriviamo al Titigne e siamo davvero conquistati.

Nicola Altieri dell'Azienda Agricola Fontefico
Nicola Altieri dell’Azienda Agricola Fontefico

 

Bicchiere dopo bicchiere è già ora di lasciare la fiera, sapendo che domani sarà un altro giorno intenso.

Il secondo giorno la scena è tutta per Massimo Bottura. Un mese fa, proprio qui a Londra, la sua Osteria Francescana, era stata eletta secondo miglior ristorante del mondo e, oggi, scopriamo che qui è una vera star! L’intero Business Center è in fibrillazione per il suo arrivo e il suo cooking show (ma qui le chiamano master class) non delude.

La master class di Massimo Bottura a Bellavita Expo
La master class di Massimo Bottura a Bellavita Expo

 

Forte delle sue tre stelle Michelin, Bottura può permettersi di tutto, e lo show che mette in scena a Bellavita Expo coinvolge, emoziona e convince.

Quasi un’ora di spettacolo per poi concedersi ai fan che si accalcano per fotografarlo e farsi fotografare insieme a lui. Qualche intervista per la televisione e poi via per un giro tra gli stand.

A questo punto noi ci dirigiamo a nostra volta in quel bengodi fatto di ogni prelibatezza possibile e immaginabile e il nostro occhio cade subito su un favoloso prosciutto cotto ricoperto di rafano (in arte Kren), che proprio non possiamo fare a meno di assaggiare.
Siamo allo stand del Salumificio Sfreddo, dove i due gemelli Luca e Andrea Sfreddo titolari dell’omonima attività ci illustrano le delizie che sfornano tutti i giorni per le migliori botteghe e ristoranti di Trieste. Che dire, davvero chapeau!

Lo chef gluten free Simona Ranieri allo stand del Salumificio Sfreddo di Trieste.
Lo chef gluten free Simona Ranieri allo stand del Salumificio Sfreddo di Trieste.

 

Il nostro tempo volge al termine e quindi ne approfittiamo per un rapido incontro con la Prodal di San Donà di Piave, produttrice industriale di pizze surgelate: una vera sorpresa oltre che una piacevole opzione per il nostro aperitivo. Il titolare, Tiziano Zanuto, ci illustra tutte le meraviglie della sua industria che sforna (è proprio il caso di dire) migliaia di pizze al giorno, con una tecnologia all’avanguardia in grado di emulare al meglio la manualità dei pizzaioli veri.

Lo staff di Prodal
Lo staff di Prodal

Ed è così che anche il secondo giorno volge al termine e con esso la nostra avventura al Bellavita Expo. Che dire… non vediamo l’ora di tornare qui l’anno prossimo!!!

Con Bellavita Expo a Londra è di scena il meglio del food & wine italiano
Tags:                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.